PROFILO

Chi sono

Sono un architetto toscano che, tra l’altro, illustra, dipinge, crea oggetti di legno colorato e ceramica.
La Toscana ce l’ho nella testa, nel cuore e nella pancia ma di più il mondo con tutte le sue diversità, le sue curiosità, le sue contraddizioni, la sua infinità di colori e sfumature.
Ho girato il mondo ma l’amore più forte è per il Mediterraneo e l’America Latina.Lavoro in Toscana ma ho relazioni con la Francia e con il Belgio.

Cosa faccio

Principalmente acrilico su tavola. Sempre figurativo. Il legno grezzo dà ispirazione: assorbe il colore, lo incorpora facendogli prendere le strade delle sue vene e suggerisce percorsi forme e suggestioni.

Grafica colorata: incisioni, punte secche, serigrafie, tutto sempre acquarellato a mano e schizzato con tanti colori.

L’amore per il legno mi porta a produrre oggetti di arredamento utilizzando sporti, scuri e porte. Naturalmente tutta roba vecchia raccolta, riutilizzata, manipolata e colorata.

Poi mi piace decorare le pareti, sempre con acrilici, soprattutto per animare le stanze dei bambini che mi danno sempre tanta gioia e emozione.

Da un incontro fatto nel 2000 con le ceramiche di Picasso è nata una passione che ancora mi prende e mi stimola, per questo non la abbandonerò mai.

Le suggestioni

Ci sono quasi sempre, senza molto criterio: pesci, chiavi, soli sorridenti, gatti, uccelli, vasi e bricchi bianchi, fari nel mare, quadri appesi ai muri, dirigibili, aquiloni, oggetti che penzolano dall’alto.
Tutte queste cose strane si compongono e scompongono in alcune “serie tematiche”:
Interni/esterni toscani; Messico e nuvole, acquari e bestiari, maschere, estati mediterranee e fari, alberi e stagioni, storie di stoffe e altre suggestioni.”